EMC

Sbavatrice automatica anche per raggiature importanti

Grazie a un’ampia e diversificata gamma di macchine, EMC Italia è in grado di soddisfare le più diverse esigenze di lavorazione sul metallo.

Sbavatura, satinatura e rettifica, lucidatura, raggiatura spigoli, rimozione calamina, rimozione scorie: sono queste le principali lavorazioni sul metallo che si possono effettuare con le macchine che EMC Italia progetta, realizza e rende disponibili sul mercato nazionale e internazionale. Tra queste, alcune saranno protagoniste anche a Lamiera 2022, come la Rotoflex, la più grande della categoria ideata dal costruttore, nata per soddisfare la richiesta di raggiature importanti (raggio 2 mm e oltre). Grazie alla sua struttura, la macchina può essere equipaggiata con 1, 2, 3 oppure 4 unità operative (su richiesta anche con numero maggiore); per via delle sue molteplici configurazioni operative si propone invece quale soluzione ideale per satinare, sbavare, raggiare lo spigolo, rimuovere la calamina su qualsiasi tipo di materiale (non solo acciai, acciai inossidabili e alluminio, ma anche materiali avanzati). Questa elevata dinamicità rende questa sbavatrice automatica molto flessibile e altrettanto affidabile nel tempo. La sua larghezza di lavoro utile in versione standard può essere di 650, 1.350 oppure di 1.650 mm, ma su richiesta il costruttore è in grado di soddisfare maggiori dimensioni. Grazie al piano di lavoro ad altezza fissa di 900 mm può essere collocata in linea con altre macchine o lavorare stand alone. Totalmente conforme ai requisiti richiesti da Industria 4.0, la Rotoflex può essere corredata anche di alcune dotazioni opzionali, tra cui le principali comprendono: il gruppo spazzola interno (disponibile nei diametri 250 e 250 mm); il gruppo a dischi orbitale interno; il gruppo a dischi planetario interno; il piano magnetico; il depressore interno al basamento; il pacchetto software Industria 4.0 ready.

Prestazioni, affidabilità ed efficienza.

Nata nel 1999, EMC inizia la propria attività a Monterenzio (BO) ponendo però solide fondamenta sull’esperienza trentennale dei suoi fondatori, formati in realtà di riferimento mondiale nel settore macchine lavorazione legno. Dopo essersi trasferita Imola nel 2002, nel corso degli anni l’azienda cresce rapidamente; l’esperienza acquisita si integra con l’ingresso nello staff di giovani ingegneri e tecnici che apportano conoscenze fondamentali sulle nuove tecnologie. Competenze (e anche alcuni brevetti depositati) che nel 2018 consentono l’apertura della Metal Division e il conseguente inizio della progettazione e della produzione di macchine anche per le lavorazioni del metallo. Un’ampia e diversificata gamma che oggi comprende una dozzina di tipologie di macchine, in grado di effettuare svariate lavorazioni del metallo, compresa la sopra descritta Rotoflex. Una proposta tecnologica costantemente innovata da EMC attraverso un evoluta ingegnerizzazione di prodotto fondata sulla ricerca delle massime prestazioni, affidabilità ed efficienza.